I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi e procedendo con la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni Close
Architettura delle cascine

In Lomellina, come in tutta la pianura lombarda, le campagne sono costellate da numerosissime cascine di grandi dimensioni, un tempo dotate di tutti i servizi e le strutture necessarie per la vita sociale e la produzione agricola, che potremo definire di modello imprenditoriale.


La forma classica a corte chiusa, quadrilatera, deriva in qualche caso dalla villa rustica romana, in altri dalla forma del ricetto medioevale (struttura fortificata) o dai conventi dei monaci.


Sull’ampio spazio interno, quadrato o rettangolare, in parte occupato dall’aia, si affacciano a meridione le stalle per le mucche da latte con i sovrastanti fienili, a ovest le stalle destinate ai buoi ed ai cavalli e i locali di servizio, e poi a oriente, le case dei salariati, cioè dei contadini a contratto fisso. Nella posizione migliore rimasta libera, spesso a nord, la casa del proprietario o del fittabile, cioè il conduttore dell’azienda, più ampia e con un piano rialzato sopra le altre per far posto anche al granaio.


Nella cascina non è difficile trovare la chiesa oppure un semplice campaniletto che, un tempo, scandiva le ore richiamando i contadini al lavoro dei campi o annunciando la fine della dura giornata di lavoro.


Fra le più interessanti cascine lomelline sono la Sforzesca di Vigevano, costruita alla fine del Quattrocento dagli Sforza a poca distanza dalle marcite leonardesche di San Vittore; la Cascina Barzo di Gravellona, di origini basso-medioevali; la Cascina San Sebastiano di Robbio, dove sono stati ritrovati gli affreschi delle storie del santo (XV- XVI sec.); la Marza di Zeme; Erbamala e Campalestro fra Velezzo e Cergnago, nelle quali non è difficile riscontrare un antico passato monastico; la medioevale tenuta di Sant’Albino e la grande cascina Medaglia a Mortara; la Melegnana, la cui origine di villa romana è documentata da numerosi ritrovamenti, e la Vallazza ad Olevano; Santa Maria di Bagnolo (resti di una chiesetta romanica del secolo XI) e San Bernardo (affreschi di scuola gaudenziana) a Langosco.

Bibliografia:  "Architettura dell'età sforzesca in Lomellina" -Istituto bancario San Paolo di Torino-Edizioni 1978

TORNA IN ALTO